L'esperto Veterinario: domande e risposte

Se hai bisogno di informazioni sull'alimentazione, la cura e l'educazione del tuo amico a quattro zampe.

Ilaria Canzi
Ilaria Canzi
DMV
fai una domanda

DOMANDA/risposta

Gravatar
Francesca

Buona sera, vorrei chiedervi un consulto per la mia micia di 5 anni in quanto non mi ritengo soddisfatta delle ultime visite fatte dal nostro veterinario. Da mesi e più volte durante il giorno, in particolare la sera, la mia mocia ha degli strani "attacchi": inizia a correre, muove il pelo sopratutto all'attaccatura della coda e si lecca compulsivamente cercando sempre qualcuno o balzandogli in braccio come se volesse aiuto. Il primo parere drl veterinario è stato che fosse per colpa dell'intestino un po' bloccato (in quel periodo vomitava anche spesso)e quindi abbiamo seguito la cura da lui consigliata. Il vomito si è fatto molto più raro ma gli attacchi nondimininuiscono. L'ho riportata da lui qualche giorno fa perché accarezzandola ho sentito un rigonfiamento sul fianco, il dottore mi ha detto di sperare sia un livido se no andrà operata, ma per gli scatti non ha saputo trovare o ipotizzare nulla, il pelo è bello e lucente, pulci o insetti non sembra averne, ho solo notato come forfora sulla coda e sull'attaccatura dopo che l'ho spazzolata e squame. Non posso più vedere la mia micia così e vorrei tanto capire cosa fare o quale può essere la causa. Sperando in un vostro aiuto e consiglio, vi ringrazio anticipatamente. Francesca

Aspesi
Dott. Alessandro Aspesi

Buongiorno Francesca,
i problemi che descrive sono di due tipi: uno fisico, legato al rigonfiamento sul fianco, che deve venir indagato dal suo veterinario, tramite esami quali ecografia o agoaspirato, per capire di cosa si tratta e come procedere farmacologicamente o chirurgicamente.
L'altro problema che descrive, quello degli "attacchi", assomiglia molto a un problema comportamentale chiamato Iperestesia Felina: è classificato come disturbo compulsivo, e, purtroppo, ha cause scatenanti non note.
Il nostro consiglio è quello di contattare un veterinario specializzato in medicina comportamentale, che, innanzitutto, valuterà di persona l'animale facendo diagnosi, e conseguentemente, imposterà la terapia comportamentale più adeguata: nel mentre le consigliamo di aumentare gli svaghi del gatto, attraverso un maggior numero di giochi, tiragraffi, mensole dove potersi arrampicare, al fine di ridurre il più possibile lo "stress", considerata causa scatenante di questo disturbo.
Torni a trovarci quando vuole.
Cordiali saluti :)

Top